archivio

giornalismo

Alla guerra con Hipstamatic invece che con la reflex. E gli scatti vengono pubblicati da Reportages by Getty Images. Il fotografo in questione è il trentaduenne Benjamin Lowy, che ha realizzato dei reportage in Afghanistan e in Libia utilizzando solamente il telefonino della Apple.

“Negli ultimi mesi abbiamo visto come l’utilizzo di Internet, dei social network e degli smartphone abbiano giocato un ruolo essenziale nelle rivolte arabe” spiega il fotografo.

“L’iPhone -sottolinea- mi ha permesso di vedere oltre l’Afghanistan distrutto dalla guerra che in genere mi chiedono di ritrarre nei servizi. E’ stata la prima volta che ho avuto la sensazione di vedere il paese come lo vedono i suoi abitanti:  un luogo dove, nonostante siano onnipresenti il caos e la disperazione, la vita rimane spolverata di leggerezza e allegria”.

I reportage (si chiamano iAfghanistan e iLybia: Arab Spring Revolution (click sui link per vedere le immagini).

Annunci

Un poliziotto tedesco in tenuta antisommossa controlla alcuni attivisti anti-nucleare durante le proteste contro il trasporto di scorie nucleari. 24 novembre 2011, Metzingen, Germania (Carsten Koall/Getty Images).

In Focus è il blog fotografico dell’Atlantic curato da Alan Taylor. Propone fotografie di attualità e di interesse storico o culturale.

” Fate con calma” raccomanda Talylor. “Su queste fotografie -sottolinea- occorre spesso soffermarsi per permettere che i dettagli vengano a galla“.

«Carissimi, segnalo che nelle ultime ore il ministero ha ribadito che in nessun intervento deve essere nominato esplicitamente il profilattico; bisogna limitarsi al concetto generico di prevenzione nei comportamenti sessuali e alla necessità di sottoporsi al test Hiv in caso di potenziale rischio. Se potete, sottolineate questo concetto».

Questo è il testo di un’email spedita da Laura De Pasquale ai giornalisti di Radio Rai in occasione della Giornata Internazionale contro l’Aids. La notizia è riportata dal sito del Corriere della Sera.

Hoffmann

Albert Hofmann (1906 - 2008), scopritore dell'Lsd

Fare un sacco di cose spaventose sotto acido. E’ questo il filo conduttore di una serie di articoli pubblicati dal magazine Vice. Lo svolgimento è semplice. Un giornalista documenta le reazioni di un amico che ha assunto Lsd (dietilamide-25 dell’acido lisergico) mentre si muove in situazioni sconvenienti, come una sfilata, una cerimonia pagana o una manifestazione di Occupy Wall Street. Come a dire: per fare un articolo possono bastare poche cose. Anche solo una macchina fotografica e un francobollo psichedelico.

Gli articoli in italiano si trovano qui.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: