Il Papa: contro Aids non preservativi, ma astinenza, rifiuto della promiscuità e fedeltà coniugale.

Joseph Ratzinger (aka Papa Benedetto XVI)

Secondo la Chiesa Cattolica l’Aids si combatte innanzitutto con l’astinenza, il rifiuto della promiscuità e con la fedeltà. Nel frattempio si stima che nel mondo ci siano più di 33 milioni di sieropositivi. E che a causa dell’Hiv tra il 1981 e il 2007 siano morte più di 25 milioni di persone.

Joseph Ratzinger ha recentemente affrontato il tema dell’Aids nell’esortazione apostolica postsinodale Africae Munus. Il Papa ha dichiarato: “il problema dell’AIDS, in particolare, esige certamente una risposta medica e farmaceutica. E tuttavia questa è insufficiente poiché il problema è più profondo. È anzitutto etico. Il cambio di comportamento che esso esige – ad esempio: l’astinenza sessuale, il rifiuto della promiscuità sessuale, la fedeltà coniugale – pone in ultima analisi la questione dello sviluppo integrale che richiede un approccio e una risposta globali della Chiesa. Infatti, per essere efficace, la prevenzione dell’AIDS deve poggiarsi su una educazione sessuale fondata essa stessa su un’antropologia ancorata al diritto naturale e illuminata dalla Parola di Dio e dall’insegnamento della Chiesa”.

Come ha riportato Vatican Insider, secondo l’Osservatore Romano ”dinanzi alla possibilita’ insuperabile del contagio”, i coniugi ”possono di comune accordo adottare la decisione di astenersi dall’avere rapporti sessuali per ragioni di salute, come avviene con altre patologie”. E ”sebbene l’uso del preservativo in un singolo atto possa avere una certa efficacia nella prevenzione del contagio dell’Aids, questo non e’ comunque in grado di garantire una sicurezza assoluta neanche nell’atto in questione e, meno ancora, nell’ambito dell’intera vita sessuale di una coppia. E’ quindi improprio indicarne l’uso come un mezzo efficace per evitare il contagio”. Per questo, ‘presentare il preservativo come una soluzione al problema e’ un grave errore; sceglierlo semplicemente come pratica abituale e’ una mancanza di responsabilita’ nei confronti dell’altra persona”.

Nel frattempo l’associazione Certi Diritti propone “azioni legali contro chi falsifica le informazioni riguardo le politiche di prevenzione dell’Aids. Ad esempio, contro chi dice che il preservativo non serve a combattere l’Aids”. E in occasione della Giornata Mondiale l’associazione distribuirà gratuitamente preservativi in diverse città italiane tra cui Milano, Roma, Torino, Verona e Trieste (dalle 16 alle 18 in via delle Torri).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: